Questo lavoro è il mio personale omaggio a tutte le donne, per quello che hanno vissuto o stanno ancora vivendo, nei lockdown decretati dai governi di tutti i paesi del mondo.

Nonostante i notevoli passi avanti fatti nel colmare il divario di genere (soprattutto in settori come la salute e l'istruzione), le disuguaglianze dureranno ancora a lungo e la pandemia ha inflitto un ulteriore colpo. Il gender gap a cui la donna fa fronte ogni giorno della sua vita è tutt’altro che superato. Secondo i report di organizzazioni internazionali (come il World Economic Forum) l'impatto della pandemia COVID-19 continuerà a farsi sentire, la chiusura del divario di genere globale è aumentata di una generazione da 99 anni a 135 anni. Si sta verificando un forte rallentamento verso l'uguaglianza e il COVID-19 ha impattato in maniera sproporzionata sulle donne: hanno perso il lavoro ad una % più elevata, hanno dovuto assumersi maggiormente l'onere per l'assistenza all'infanzia, sono state riassunte a un ritmo più lento rispetto agli uomini quando i luoghi di lavoro si sono riaperti.

La pandemia ha avuto un impatto tremendo sull'uguaglianza di genere sia sul posto di lavoro che a casa, riportando indietro anni di progressi e complicando l’aspetto delle violenze domestiche (quando queste sono state denunciate).

I progressi fatti nei vari ambiti, ovviamente, variano a seconda dei paesi e delle regioni. I paesi del Medio Oriente e del Nord Africa faranno molta più fatica a raggiugere la parità, salvo se non arriva un’altra catastrofe a cui le donne dovranno far fronte e allora si complicherà di nuovo tutto, comprese le classifiche.

Woman

> Women during the covid-19 lockdown